top of page
  • Immagine del redattoreHevolus Newsroom

La Rete i.M2A: le connessioni si ampliano con la presentazione del programma formativo HLF - Hybrid Learning Framework

Due giorni a Bari di formazione alla scoperta dei nuovi paradigmi educativi phygital e accordo di collaborazione con Hevolus Innovation


8 maggio 2024 – La Rete i.m2A aumenta le sue attività, proponendo il percorso formativo HLF - Hybrid Learning Framework, all’insegna dell’innovazione e della partecipazione condivisa di tutte le scuole aderenti. Una formazione itinerante fatta da dieci tappe, con un unico fattore comune, la valorizzazione del personale scolastico e la creazione di una comunità di pratica aperta e interessata ai nuovi scenari educativi e metodologici.

Una nuova collaborazione che supporterà gli insegnanti e i Dirigenti all’acquisizione di nuove pratiche e alla conoscenza di scenari tecnologici davvero futuristici.

A Bari il 9 e il 10 maggio incontreremo il Futuro.


Il Presidente della Rete i.M2A il Dirigente Imerio Chiappa sottolinea l’intento dell’iniziativa: “La rete ha tra i compiti quello di facilitare la formazione e supportare il personale e gli stessi studenti nella conoscenza profonda delle principali tecnologie. Da tempo ci occupiamo dello sviluppo di competenze tecniche per le nostre scuole, ma è necessario pensare alle metodologie didattiche e all’uso di alcune tecnologie a supporto di ogni tipologia di insegnamento. La Rete vuole contribuire a fare innovazione. Questo progetto rappresenta la nostra comunità di pratiche in linea con quanto richiesto dai modelli Dig. Comp Edu, la nostra idea di azioni vede la partecipazione di tutti gli attori, ecco il motivo per cui abbiamo deciso di viaggiare per l’Italia e promuovere esperienze di grande impatto e di valore”.

Il programma HLF - Hybrid Learning Framework ha l’ambizione di essere un grande ambiente di scoperta, una fucina sperimentale in cui i docenti possono conoscere e mettere in pratica le maggiori avanguardie tecnologiche, e su queste costruire contenuti didattici spendibili su tutto il territorio nazionale. Grazie al finanziamento del PNRR tutti i corsi saranno sulla piattaforma Futura e accessibili non solo dai docenti della Rete, ma dall’intera comunità nazionale” afferma il Dirigente Maurizio Adamo ChiappaReferente per la formazione della Rete.

Il Dirigente Anna Grazia De Marzo del Marconi Hack di Bari e CTO Sud della Rete i.M2A, sottolinea il forte impatto dell'iniziativa: " Il progetto ha l'intento di migliorare sempre di più la qualità della Formazione Docenti e perché la Scuola assolva alla sua precipua funzione di MAESTRA DI VITA, sono onorata di ospitare il seminario di formazione Hybrid Learning Framework sulle nuove frontiere dell'insegnamento/apprendimento all'insegna del FUTURO ORA! L'aver scelto l’IISS Marconi Hack di Bari per il Kick off di questo progetto dall'impronta avveniristica e di respiro nazionale in quanto finanziato dal PNRR, è segno del riconoscimento dell'impegno e del valore delle Scuole meridionali che contribuiscono fattivamente alla creazione e realizzazione di nuove tecnologie frutto anche delle energie sinergiche sviluppate dalla Rete i.M2A che riunisce sotto la medesima egida le Scuole e le Attività Imprenditoriali del Paese".

La collaborazione tra i.M2A e Hevolus Innovation sarà siglata con un accordo durante il primo evento a Bari, a sigillare un’alleanza tra le scuole attente all’innovazione e al cambiamento e un’azienda Hevolus, il cui mondo è l’innovazione.


Le nostre soluzioni sono pensate per migliorare l’esperienza in aula di insegnanti e studenti, utilizzando la tecnologia per trasformare l'apprendimento in un viaggio attivo e coinvolgente, unendo per esempio ologrammi 3D immersivi con lo spazio fisico in cui si tengono le lezioni per renderle più coinvolgenti e memorabili”, ha spiegato Fabio Santini, CEO di Hevolus. “Il nostro approccio rafforza la centralità della figura del docente, che da oggi oltre a preparare e condividere le proprie lezioni avrà un gemello virtuale con cui gli studenti potranno interagire, per una migliore interazione tra insegnanti e studenti. Stiamo assistendo a un cambiamento fondamentale nel modo in cui l’istruzione viene erogata e ricevuta, questo nuovo approccio all’apprendimento non è solo più efficace ma anche più divertente sia per gli insegnanti che per gli studenti”.

Hevolus immagina infatti un futuro in cui la tecnologia svolga un ruolo centrale nell’istruzione, in cui il mondo fisico e quello digitale si fondano perfettamente e offre alle scuole soluzioni pensate per facilitare la comprensione e la memorizzazione attraverso il coinvolgimento emotivo e l'esperienza interattiva. Creare esperienze di apprendimento più coinvolgenti e personalizzate combinando eXtended Reality e Intelligenza Artificiale aiuta a rendere l’apprendimento più interessante e personale, preparando al contempo gli studenti per un futuro in cui le barriere tra il mondo reale e quello informatico saranno sempre più labili: fondendo il meglio delle teorie dell'apprendimento tradizionali con le tecnologie più recenti, Hevolus offre un'istruzione a prova di futuro.


Partner di Hevolus nell’ambito dell’Hybrid Learning Framework è Microsoft Italia, che mette a disposizione la tecnologia che è alla base di questa soluzione, ovvero Microsoft HoloLens e Azure OpenAI, la piattaforma Cloud di Microsoft potenziata dall’AI.


Il commento di Giuseppe Cannizzo, Responsabile Microsoft per le Scuole: “Siamo felici di consolidare la nostra pluriennale collaborazione con Hevolus grazie allo sviluppo di questa nuova soluzione e supportare in questo modo scuole, docenti e studenti nel costruire nuovi modi di fare didattica, andando oltre i confini del laboratorio inteso come luogo fisico. Grazie alla realtà mista di HoloLens, al Cloud di Azure e all’AI, infatti, i ragazzi hanno a disposizione strumenti all’avanguardia per un apprendimento più interattivo ed efficace, non solo a scuola ma anche a casa. Da sempre Microsoft si impegna per aiutare gli studenti ad acquisire le giuste competenze affinché possano contribuire a un futuro di crescita” .




Comentários


bottom of page